Creare una fragranza che parli della Madre Terra è stata un’esperienza di emozioni intense e contrastanti. Come fare per esprimere la sua forza, i suoi cicli, la bellezza e i suoi misteri?

Mi sono lasciata trasportare dai ricordi dei profumi nell’aria di paesaggi che sono rimasti indelebili nella mente e nel cuore, dalla maestosità di boschi dove gli alberi ti sovrastano, a distese di prati dove l’occhio si perde nell’infinito. E poi, colori di delicati fiori, oceani che abbagliano di sole riflesso con il profumo di iodio che ti avvolge..

La mia traccia è stata la maestosa ambra grigia del capodoglio, una nota animale che racchiude qualcosa di primordiale e seducente. Intorno ad essa ho costruito una piramide olfattiva con resine di ogaden dell’Etiopia, benzoino, messer e storace.

Emergono nette le note verdi e avvolgenti del muschio di quercia, vetiver, patchouli e sandalo.

Il cuore racchiude la soave tuberosa, il neroli e la rosa del Marocco.

Tonka e vaniglia assoluta completano la fragranza con la loro raffinata dolcezza.

“Terra” è un profumo unisex che rafforza il carattere e dona una lucida determinazione nei momenti di concrete decisioni.

NB: non adatto a vegani.