L’astro dagli anelli e dalla fredda luminosità costituisce il legame tra il Principio mortale, la sostanza-materia e il Principio immortale, cioè la Spirito.

Saturno è impietoso, freddo e risplendente di luce bianca che toglie tutte le illusioni, le certezze acquisite. E’ colui che riconduce all’essenza originaria e, se viene definito il “Grande Malefico”è perché porta buio e malinconia per poi far affiorare la determinazione e la forza nel realizzare la propria vera natura.

Amo particolarmente questo profumo che ho rappresentato nel significato di evoluzione interiore e tenacia utilizzando le forze misteriose di mirra, incenso, resina di ogaden etiope. Come pilastri di una cattedrale sono le note di base cariche del significato:”Come in cielo, così in terra”.

Nel cuore un inatteso accenno di rosa di Damasco, vaniglia, tonka, cisto, elicriso per rendere una morbida scia di fiducia e dolcezza.

Per “fissare” ho scelto la resina di messer etiope dall’aroma fruttato e balsamico che dona a Saturno un alone di sovranità.

Questo intrigante profumo unisex rafforza l’animo e dà la sensazione di essere sospesi tra cielo e terra.